Le emergenze fitosanitarie in vigneto secondo Charles Manceau

“Les cinq parasites qui menacent nos vignobles”

Messi in guardia dalla francese Anses, Agence nationale de sécurité sanitaire de l’alimentation, de l’environnement et du travail
0
16

DrosophilaIn un articolo pubblicato il 5 febbraio 2015 da Séverine Favre su Mon-Viti.comCharles Manceau dell’Anses fa il punto su quelle che ritiene essere le emergenze fitosanitarie attuali per il vigneto francese, osservando come l‘intensificazione degli scambi commerciali a livello globale e i nuovi sistemi di commercio via Internet accentuino il rischio di introduzione di nuovi agenti patogeni e parassiti. E’ pertanto necessario, sottolinea, porre attenzione all’insorgenza di qualsiasi nuovo sintomo in vigneto al fine di reagire più rapidamente possibile all’insorgenza di nuove malattie.
1. Il batterio Xylella fastidiosa, che provoca in vite la malattia di Pierce, è stato individuato nel 2102 in piante di caffè giunte presso un centro di ricerca francese nell’ambito di programmi di miglioramento genetico di questa pianta. Le piante sono state individuate in serra e il focolaio è stato prontamente eradicato.
2. L’insetto Drosophila suzukii (di origini orientali) è stato invece individuato per la prima volta in alcuni vigneti dell’Aquitania nel settembre 2014.
3. La verticilliosi si è manifestata in Francia per la prima volta nel 2008 in vigneti della zona dello Chablis, ma nel 2014 anche in quella del Sancerre. Tale malattia, che provoca il deperimento delle giovani viti, è determinata da diverse specie di funghi del genere Verticillium.
4. Neofusicoccum: deperimenti dovuti a questo fungo sono descritti per ora solo in Francia (dal 2010) e in Portogallo (dal 2009). Sintomo caratteristico è la defogliazione dei tralci, che possono seccare parzialmente o completamente.
5. Phomopsis viticola: altro fungo che determina deperimenti per ora descritti solo in Francia e Gran Bretagna. Si manifestano con un indebolimento generale della vegetazione. I tralci più piccoli possono presentare foglie clorotiche.

Nel fascicolo di Aprile 2015 di VQ troverete un approfondimento sui rapporti tra Drosophila suzukii e vite.